0 Carrello
0 Carrello

Il tuo carrello

Il carrello è vuoto!
media

Postura corretta in smart working

Lo smartworking e la sedentarietà, nell’ultimo anno, sono entrati a far parte della vita di molti di noi e sono diventate le cause principali di stanchezza e, in certi casi, di diversi disturbi osteoarticolari che fanno vivere ancor peggio le restrizioni.

Parlando di salute, è necessario sottolineare che, se a questi aspetti si accosta anche un’alimentazione scorretta, si rischia di guadagnare chili e andare oltre la soglia del sovrappeso o dell’obesità, disturbi determinanti nello sviluppo di patologie coronariche e cerebrovascolari, di osteoporosi e diverse forme di cancro.

Tornando alla giusta postura, è importante ricordare che una vita sedentaria può causare un indebolimento delle ossa, oltre a portare problemi alle vertebre cervicali e a tutta la colonna vertebrale, ancor di più se si sta seduti in maniera scorretta. Risulta quindi importante sottolineare che anche se si adotta la giusta postura, è sempre opportuno alzarsi e sgranchire un po’ il corpo dopo ogni ora di lavoro.

Come sedersi quando si lavora al pc

Quando ci si mette alla scrivania, le spalle devono essere rilassate e bisogna, innnanzitutto, evitare di tendere o incurvare il collo. È altresì necessario mantenere la testa alta (ponendo lo schermo all’altezza dello sguardo), onde evitare di mettere in tensione collo e mascella, comportamento che fa aumentare la possibilità di incorrere in mal di testa.

L’altezza della sedia è uno degli aspetti più rilevanti: una seduta troppo alta non consente di poggiare i piedi a terra, mentre una sedia troppo bassa può portarci a assumere posizioni scorrette, contorsioni e movimenti innaturali. L’altezza giusta è quella che porta a formare un angolo retto fra sedile e schiena e fra gambe e pavimento. Un atteggiamento da evitare è quello di accavallare le gambe, che compromette la circolazione venosa.

In ultimo, la posizione dei polsi quando si usa la tastiera è direttamente conseguente alla postura data dalla sedia: le sedute migliori sono quelle con i braccioli regolabili, da regolare all’altezza della scrivania, in modo da avere i gomiti che formano un angolo di 90-100 gradi e che sono ben allineati con i polsi.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.